lunedì 8 giugno 2015

Ciuffi Rossi, i gemelli di Arezzo che cantano cover diventati idoli del web grazie a YouTube

Cover e social è il binomio che ha aperto le porte del successo ai Ciuffi Rossi, due fratelli gemelli 19enni di Arezzo diventati il nuovo idolo delle teenager.
Condividendo su Facebook le brevi esibizioni registrate nella loro cameretta, Alessio e Marco Rossi sono riusciti a conquistare oltre un milione di fan su Facebook con la rivisitazione dei brani in lingua inglese di popstar come Miles Cyrus, One Direction e Arianna Grande. 
 


Come nascono i Ciuffi Rossi (ndr, nome che deriva dal colore della folta chioma)?
«Cantiamo da sempre ma solo nel 2013 abbiamo iniziato a caricare le nostre cover su Youtube e in breve tempo abbiamo ricevuto milioni di click attirando l'attenzione di Davide Bosio, nostro attuale manager e produttore con cui abbiamo iniziato il vero percorso artistico e discografico». 
Avete partecipato in passato ai provini di X-Factor ma senza fortuna, ci tornereste ora per prendervi la rivincita?
«Abbiamo provato la carta quando eravamo agli inizi ed è stata comunque una bella esperienza, ora che siamo riusciti a crearci un ottimo seguito da soli, però, intendiamo proseguire sulla nostra strada senza rivincite». 
Come avete fatto a raggiungere più di un milione di fan su Facebook?
«Un risultato incredibile, perché oltre ai fan italiani continuiamo a ricevere un grande supporto da ragazzi e ragazze di tanti diversi paesi, come Usa, Brasile, Thailandia, Polonia». 
Quali sono le richieste più frequenti che vi arrivano?
«Fare una esibizione nei loro Paesi è l'opzione più gettonata dai fan, poi ci sono le richieste di brani da coverizzare, ma anche un semplice saluto o gli auguri per il matrimonio». 
Dopo tante cover è in rampa di lancio il vostro primo singolo, a quando il primo album?
«Ci stiamo lavorando da mesi, ora però siamo concentrati sull'uscita del videoclip di “Biancastella”, il nostro vero esordio». 
Con quale artista sognate di poter collaborare?
«Ci piacerebbe esibire con Ed Sheeran, il nostro artista preferito».

Nessun commento:

Posta un commento