martedì 19 luglio 2016

Beyoncé stende Milano con un concerto visual: in 55mila incantati dal Monolite di Queen Bey

Trionfo di Beyoncé allo stadio di San Siro di Milano, dove il "Formation World Tour" della star statunitense ha fatto la sua unica tappa italiana. Di fronte a 55mila spettatori è andato in scena uno show capace di unire spettacolarità e calore, dove Beyoncé ha messo in mostra tanto le strepitose doti vocali quanto una personalità in grado di fare impallidire le concorrenti.


Dopo il visual album, ovvero un disco accompagnato da un video dal primo all'ultimo minuto a farne quasi un film, Beyoncè ha adottato il "visual concert". Il Formation Tour che ha toccato l'Italia in uno stadio San Siro pieno ed entusiasta, è uno spettacolo formalmente perfetto, intenso, che si svolge di fatto tutto sul "Monolith", un parallelepipedo di 18 metri di altezza sul quale viene rimandato (opportunamente rimaneggiato) tutto quello che accade sul palco. Bella novità, dirà qualcuno, come fosse la prima volta che si usano maxi schermi in concerti, specie in grandi spazi all'aperto. Il punto è che se di solito il maxi schermo è un'aggiunta per aiutare a vedere o per rimandare visual con effetto scenografico, qui è il mezzo assoluto. Al punto che le luci poste alla sua base spesso con la loro intensità impediscono (pena l'accecamento) di guardare gli artisti muoversi sul palco, costringendo a fissare lo schermo. Già il nome (che rimanda al Monolite di "2001 Odissea nello spazio)" fa capire che non si tratta di un semplice maxischermo, ma di un elemento focale, sul quale tutti devono concentrarsi. Il Monolite è il palco, ora virtuale ora reale, come quando durante "Partition", Beyoncè e le sue ballerine si esibiscono al suo interno.
Uno show in cinque atti, introdotti tutti da visual dall'impatto visivo e simbolico potente tratti dal video realizzato per l'album "Lemonade", e proprio "Lemonade", con sette estratti, costituisce l'asse portante di uno spettacolo dalla trama solida, alla quale sono stati anche sacrificati alcuni dei successi che la gente si aspetta in eventi del genere (vedi "Single Ladies"). E dove la protagonista assoluta è lei: lei ora vestita in pizzo nero con stivaloni leopardati, ora in pizzo bianco o in latex rosso. Lei sempre con la posa giusta e il vento nei capelli (miracoli dei ventilatori disseminati sul palco), ma che non ha timore nemmeno di presentarsi con trucco e parruco infradiciato da un finale tutto interpretato sul secondo palchetto piazzato in mezzo al pubblico e trasformato in una piscina per uno dei momenti più spettacolari della serata, pur nella sua semplicità (rispetto alle magie tecnologiche del Monolith).
Lo schermo la rimanda in versione maxi, spesso in solitaria o supportata giusto dal corpo di ballo che la segue fedele e sottolinea alcuni momenti dello show con coreografie acrobatiche. Per il resto la band (tutta al femminile) è una presenza ectoplasmatica, dove solo batterista e chitarrista hanno l'onore di apparire al pubblico per due assoli di grande effetto rispettavamente su "Countdown" e "Don't Hurt Yourself".
Il Formation Tour è uno spettacolo in grado di mostrare tutte le facce di Beyoncé. Tecnicamente perfetto, al limite dell'algido, soprattutto nella prima parte, ma capace anche di grandi slanci di calore e comunicatività. Che esplodono sia in momenti collettivi (l'urlo dei 55mila al termine di una travolgente "Daddy Lessons" è al limite dell'assordante) che in altri dove la signora Knowles si esibisce a cappella (come per "Irreplaceble" ma soprattutto una splendida "Love On Top") o lascia andare le sue corde più soul. L'interpretazione di "The Beautiful Ones" vince per distacco su tutti gli omaggi riservati a Prince negli ultimi mesi, Prince a cui viene ceduta la scena con il Monolite colorato di viola mentre passa la versione originale di "Purple Rain". In due ore Beyoncé passa con disinvoltura dall'r'nb al pop, dal soul fino al rock, a dimostrare una duttilità interpretativa che la pone un passo avanti alle contendenti al trono della categoria (qualcuno ha detto Rihanna?). 
Il finale è un'infilata di successi dove la tensione emotiva del percorso tracciato dallo show si scioglie: "Crazy In Love", "Naughty Girl", "Freedom", un tocco di Destiny's Child con "Survivor", "End Of Time" e la conclusiva "Halo" permettono di assestare il colpo del ko. C'è modo e modo di utilizzare gli stadi per un concerto: Beyoncé ha alzato l'asticella per tutti quelli che verranno dopo.

Nessun commento:

Posta un commento